Nati per leggere? Chi lo sa fare va lontano

La città di Melzo propone ancora un’iniziativa davvero interessante per i più piccoli. Dopo l’evento tenutosi il 1° aprile dal titolo “Cuccioli, passerotti e pesciolini ! Suoni, facce e versi per emozionarsi” si replica. Infatti, sabato 13 maggio presso la Biblioteca Vittorio Sereni alle ore 10.30 ci sarà l’evento:
La Musica dei giochi conte e suoni per divertirsi
L’evento fa parte della rassegna “Chi legge va lontano. Nati per leggere in biblioteca”. Quest’ultimo consiste nella lettura ad alta voce per piccoli e bebè da 0 a 3 anni a cura di Teatrodipietra onlus.

L’associazione è stata fondata ormai quasi 20 anni fa da Francesco di Maggio, drammaturgo,  con il nome di Oi Petres (dal greco Le Pietre) con lo scopo di dare voce libera al suo fondatore e ai suoi collaboratori. Il nome deriva dalle pietre disegnate dal poeta greco Yiannis Ritsos durante il periodo dell’esilio e del carcere, poeta che Di Maggio ha conosciuto e amato. Il drammaturgo ha fondato l’associazione sul concetto di libertà, come regola prima nell’espressione artistica.

Fin dalla nascita la compagnia si è dedicata al teatroragazzi producendo spettacoli e animazioni che hanno portato l’associazione a collaborare con moltissimi enti del nord Italia e non solo, percorrendo la strada della libertà espressiva e concentrandosi sui testi che venivano da scrittori per ragazzi. Negli anni molta strada è stata compiuta e tante persone dalle formazioni più differenti hanno collaborato con l’associazione apportando sempre qualcosa di speciale e lasciando traccia in quelli che ancora impegnano le loro forze per la costruzione di un percorso teatrale e di un percorso formativo nelle scuole.

Il progetto Nati per leggere da cui parte l’iniziativa invece, ha l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. La stimolazione e il senso di protezione che genera nel bambino il sentirsi accanto un adulto che legge e racconta storie già dal primo anno di vita e condivide il piacere del racconto è impareggiabile. Il beneficio che il bambino trae dalla lettura a voce alta, operata in famiglia in età prescolare, è documentato da molti studi. Il precoce e quotidiano contatto con i libri e la lettura mediati da mamma e papà favorisce il futuro successo scolastico dei bambini.

La qualità di queste esperienze precoci influisce sul loro linguaggio e sulla capacità di comprendere la lettura di un testo scritto all’ingresso a scuola, avvantaggiandoli. Questo progetto ha consentito una “alleanza” tra pediatri e bibliotecari con lo scopo di sviluppare l’abitudine a leggere ai bambini dall’età prescolare.

I pediatri si rendono disponibili a sensibilizzare i genitori sull’utilità della lettura ai bambini fin dalla più tenera età, mentre i bibliotecari aiutano i genitori a formarsi un proprio repertorio di letture da condividere con i loro bambini mettendo a disposizione per il prestito gratuito e la lettura in biblioteca una raccolta di libri per bambini tra 0 e 6 anni.

Da ultimo ma non meno importante è il ruolo che hanno anche i lettori volontari, che fanno divertire i bambini che ascoltano la lettura delle loro storie, e gli educatori che li motivano a proseguire la bellissima esperienza della lettura.

La lettura determina l’esperienza dell’apprendimento della lettura stessa che segna il destino della carriera scolastica del bambino. Ecco il perché dello slogan “Chi legge va lontano
Il progetto è davvero interessante e per approfondirlo si consiglia il sito: www.natiperleggere.it

Per l’evento si ricorda che:

  • l’iscrizione è gratuita e obbligatoria in biblioteca (massimo 20 bambini/e). Quest’ultimi devono essere accompagnati da un adulto;
  • contatti presso la struttura bibliotecaria di Via Agnese Pasta, 43 tel 0295738856, email: melzo@sbv.mi.it per tutte le informazioni del caso.Al bambino verrà rilasciato il Passaporto delle bambine e dei bambini “Nati per Leggere Lombardia” per andare lontano grazie ai libri e alla lettura.

Buona lettura a piccoli e grandi.

A cura di Andrea Baronchelli

Be the first to comment on "Nati per leggere? Chi lo sa fare va lontano"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*